Haiku. In giro per la rete

Lo Haiku è un piccolo componimento inventato in Giappone nel 1600. È composto da tre versi che contengano in tutto diciassette more (simili alle sillabe), secondo lo schema 5-7-5.

L’Haiku è un componimento semplice che tratta di temi bucolici e stagionali. Per la sua estrema semplicità è ritenuto l’antitesi della poetica retorica, rifugge i fronzoli linguistici e manca persino del titolo.

Il componimento interpreta la condizione della vita che deve riuscire sia a rinnovarsi sia a innovarsi. Se il rinnovamento esprime la riproduzione dei cicli vitali, l’innovazione deve realizzare quelle trasformazioni che permettono alla vita di affrontare e superare i mutamenti dell’ambiente (ad esempio l’incendio di un tetto, si veda lo haiku di Masahide sotto) che ostacolano oppure rendono inefficaci i processi ciclici di rinnovamento. L’innovazione è, quindi, la capacità della vita di far emergere, di produrre soluzioni vitali nuove, il salto appunto, rappresentato con il trattino.

In fondo, l’haiku, l’arte e la poesia rappresentano tutte quelle rivoluzioni che vanno oltre le vecchie forme e i vecchi schemi, divenuti incapaci di garantire la sopravvivenza della vita.

Haiku 俳句

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...